Fernanda Contri

Fernanda Contri è nata ad Ivrea il 21 agosto 1935.

Si è laureata all'Università di Genova, nel febbraio 1959 discutendo una tesi in tema di autorizzazioni amministrative, relatore il prof. Roberto Lucifredi.

Ha fatto pratica nell’ambito del diritto civile, nel settore commerciale, e ancora nel diritto amministrativo; ha superato a Genova nel 1961 l’esame di Procuratore Legale.

E' iscritta all'albo degli Avvocati e Procuratori di Genova dal gennaio 1962; a Genova ha svolto sempre la professione di civilista.

E’ Avvocato ammessa al patrocinio dinnanzi alla Corte di Cassazione e alle Giurisdizioni Superiori.

E' stata Vice Presidente Nazionale del Sindacato Avvocati.

E' stata per nove anni membro del Comitato dei delegati della Cassa di previdenza degli Avvocati ed ha lavorato per la riforma del settore.

Ha fatto parte, presso il Ministero di Grazia e Giustizia, di diverse Commissioni Ministeriali: di Riforma delle Strutture Giudiziarie, di Riforma del codice di Procedura Penale Minorile e di Riforma della Cassazione Penale.

Ha presieduto il Gruppo di lavoro interministeriale presso il Ministero di Grazia e Giustizia per la predisposizione dei modelli di mediazione familiare e di strumenti di tutela dei minori e dei soggetti deboli.

Nel 1985 è stata nominata Giudice aggregato della Corte costituzionale.

Nel 1986 è stata eletta dal Parlamento al Consiglio Superiore della Magistratura dove è stata membro del Comitato Antimafia e Vice-Presidente della Sezione Disciplinare, oltre che Presidente della IV Commissione referente.

E' stata Presidente del Centro Studi di diritto di Famiglia e delle Persone fondato con il Prof. Alpa ed il Prof. Bessone e Presidente dell'Associazione Genova-Donna.

Dal 1991 al 1993 ha fatto parte della Commissione per le Pari opportunità presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri.

Il 2 febbraio 1993 è stata insignita della onorificenza di Cavaliere di Gran Croce, per i particolari meriti e l’impegno costante nelle Istituzioni.

Dal giugno 1992 ha svolto funzioni di Segretario Generale della Presidenza del Consiglio dei Ministri su nomina del Presidente Amato (incarico per la prima volta affidato ad una donna) sino al 28 aprile 1993.

In tale data è stata designata Ministro per gli Affari Sociali nel Governo Ciampi: nella qualità ha predisposto un disegno di legge in tema di “Principi di Tutela dei Diritti del Minore”, approvato dal Consiglio dei Ministri il 5 gennaio 1994 e ha steso un progetto di legge organica per la “Disciplina della condizione giuridica dello straniero nella Repubblica Italiana”.
Il 4 novembre 1996 è stata nominata, prima donna nella nostra storia, Giudice della Corte costituzionale dal Presidente della Repubblica. In tale veste è stata redattrice di numerose e importanti decisioni in materia di Diritto costituzionale, Diritto processuale civile, Diritto di famiglia, Diritto regionale oltreché in tema di regime fiscale delle compagnie portuali, nonché in tema di Immigrazione, Previdenza e Assistenza sociale e ancora in tema di segreto di Stato, e infine in tema di diritto dei trasporti,.
In quest’ambito è stata giudice relatore ed estensore di diverse decisioni e più precisamente in tema di responsabilità per danni in caso di trasporto merci su strada esenti dall’obbligo di tariffe a forcella; disciplina dell’attività di volo a motore ai fini della tutela ambientale; esercizio di funzioni amministrative in materia di trasporto non di linea (motoscafi, gondole) nelle acque di navigazione interne nella città di Venezia; in tema di depenalizzazione di reati minori previsti dal nuovo codice della strada; in tema di delega al governo per la revisione delle norme concernenti la circolazione stradale; in tema di trasporti di vario genere con riferimento ai profili assicurativi e ancora in tema di assicurazione obbligatoria della responsabilità civile anche di natanti.
(Vedasi le decisioni della Corte costituzionale: 69/1997, 271/1997, 419/1997, 124/1998, 209/2000, 33/2001, 241/2001, 283/2001, 136/2002, 319/2002, 323/2002, 81/2003, 156/2004, 66/2005).

Il 17 giugno 2002 l’University College London le ha conferito, per la prima volta ad un italiano, la Laurea honoris causa in Legge.

Il 14 dicembre 2004 ha presieduto, prima donna giudice costituzionale nella storia della Repubblica, l’udienza solenne della Corte costituzionale.

Dal 31 gennaio 2005 al 10 marzo 2005 è stata Presidente facente funzioni della Corte Costituzionale; ruolo per la prima volta rivestito da una donna.

Il 10 marzo 2005 è stata nominata Vice Presidente della Corte Costituzionale; è stata la prima donna a ricoprire questa carica.

Il 14 settembre 2005 è stata chiamata dal Comitato dei Ministri del Consiglio d’Europa a far parte per un paio d’anni del gruppo degli 11 Saggi incaricati di delineare una strategia generale per garantire l’efficacia a lungo termine della Convenzione europea dei Diritti dell’Uomo.

Ha collaborato, per gli aspetti scientifici, alla costituzione della Fondazione “Istituto Mediterraneo per l’Infanzia – MedChild” che ha preso ufficialmente vita a Genova nel gennaio 2004; è stata Presidente del Comitato Scientifico Internazionale della Fondazione.

E’ stata Presidente del Comitato dei Garanti per verificare le disposizioni di protezione civile finalizzate a fronteggiare le situazioni di emergenza nell'Area sud est asiatica (nomina con d.P.C.M. 26 luglio 2006).

E’ stata Membro del Consiglio di Amministrazione dell'Istituto David Chiossone su proposta del Sindaco di Genova.

E’ stata Presidente del C.C.S. – Centro Cooperazione Sviluppo ONLUS per il sostegno a distanza di bimbi in Africa ed Asia.

Fa parte del Consiglio della Fondazione Giovanni e Francesca Falcone.

E’ Presidente Onorario, dal gennaio 2006, di Ital Brokers S.p.A.

E’ stata Presidente del Comitato etico della IV ASL Regione Liguria sino al giugno 2013.

E’ Presidente della ONLUS MUS-E Chiavari dal 2007.

E’ stata Presidente della Consulta statutaria del Consiglio regionale della Liguria dal 18 maggio 2007 a tutto giugno 2013.

Dall’ottobre 2007 al febbraio 2008 è stata relatrice dello Statuto approvato poi dall’Assemblea costituente del Partito Democratico.

Dal settembre 2008, è stata membro della Commissione incaricata di definire le procedure di accesso alla documentazione per la quale decade il segreto di Stato (d.P.C.M. 23 settembre 2008), fino all’estate 2010.

Dal marzo 2008, ha fatto parte del Comitato dei tre saggi di garanzia nominato dal Presidente dell’Autorità portuale di Genova, fino all’ottobre 2010. Dal marzo 2009 fa parte e Presiede il Comitato di garanzia nominato dalla Sviluppo Genova S.p.A.: presso entrambi gli Enti, parti di complessi rapporti costituzionali, economici e sociali, comportanti decisioni di problematiche costituzionali, giuridiche ed amministrative di notevole importanza, gestori di rilevanti risorse pubbliche, ha svolto e svolge nell’organo di garanzia funzioni di consulenza e di verifica per assicurare piena trasparenza.

Dal giugno 2011 al giugno 2013 ha fatto parte del Consiglio di Amministrazione della “Porto Antico di Genova S.p.A.” su proposta dell’Autorità Portuale.

Alla fine del 2011 è stata eletta Presidente di A.L.P.I.M. (Associazione ligure per i minori) accreditata presso il tribunale dei minori di Genova.

Dal giugno 2013 è membro del Consiglio di Amministrazione dell’Aeroporto di Genova S.p.A. su proposta dell’Autorità Portuale.

Dal luglio 2013 è membro del Nuovo Comitato Etico regionale della Liguria: il 24 settembre è stata eletta Presidente della Prima Sezione del predetto Comitato.

Con provvedimento del 26 luglio 2013 è stata nominata dal Ministro della Giustizia Presidente della Commissione di studio in tema di adozioni internazionali.

Con provvedimento del 12 agosto 2015 è stata nominata dal Ministro della Giustizia componente della Commissione di studio incaricata di predisporre lo schema di un progetto di riforma in tema di costituzione e funzionamento del CSM, dei Consigli giudiziari presso le Corti di Appello e del Consiglio Direttivo della Corte di Cassazione.

 

Pin It